Specie

Petrorhagia saxifraga

Famiglia

Caryophyllaceae

Nome popolare

Garofanina spaccasassi

Petrorhagia saxifraga (L.) Link


E’ una piccola pianta dall’aspetto delicato, accentuato dai piccoli fiori di un rosa pallido e madreperlato. Vedendo dove cresce, tra i sassi più aridi e duri, non ci si stupisce del nome che sottolinea due volte questa sua qualità: Petrorhagia deriva dal greco e in particolare dal verbo “regnumai” che significa “spezzare” e da “petra” dall’ovvio significato sia in greco che in latino. Anche saxifraga, in latino, significa letteralmente “che infrange la roccia”.
Ne esistono due sottospecie, quella che troviamo in Toscana è la subsp. saxifraga.
Il nome popolare di “garofanina” le deriva dal fatto che è stata un tempo classificata nel Genere Dianthus, cioè tra i garofani, con il nome di D. saxifraga.
Ciò che stupisce di più è la sua fioritura: tra i sassi sbocciano improvvisamente i cuscinetti dei suoi delicati fiorellini e sembra che spuntino dal nulla: infatti i suoi steli e le sue foglie sono così esili da passare facilmente inosservati per tutto il resto dell’anno.
Vista la sua graziosa bellezza, alcuni vivai o produttori di sementi, soprattutto stranieri, la propongono in vendita per il giardino roccioso o per bordure basse, sia come specie botanica che in qualche varietà, come per esempio “Pink Starlet”.

Cresce principalmente in prati asciutti e dirupi sassosi, su suolo calcareo, da 0 fino a 1500 m di altitudine. E’ diffusa in tutta Italia.

Piccola pianta erbacea perenne, alta 10-40 cm,  con i fusti che formano dei cuscinetti.
Le foglie sono lunghe circa 1 cm, opposte, lineari e sottili (0,3-0,4 mm), a margine intero, più corte e squamiformi sul fusto.
I fiori sono solitari, riuniti in infiorescenze rade di 1 o pochi fiori all’apice del fusto. Il calice è strettamente campanulato, lungo 4-6 mm, circondato da brattee ialine, cioè sottili e quasi trasparenti. I petali sono 5, da lilla pallido a rosa, con venature più scure.
Il frutto è una piccola capsula ovoide.

Nel Parco
E’ presente, ma non comune. Cresce soprattutto nelle radure sassose.

Periodo di fioritura: giugno-novembre